';

Cos’è il virus respiratorio sinciziale (RSV)? Cause, sintomi e cura
27 Ott 2021 11:08

Che cos’è il virus respiratorio sinciziale (RSV) nei bambini?

Quali sono le cause dell’RSV in un bambino?

L’RSV si diffonde quando un bambino entra in contatto con il liquido del naso o della bocca di una persona infetta. Questo può accadere se un bambino tocca una superficie contaminata e si tocca gli occhi, la bocca o il naso. Può anche accadere quando si inalano goccioline dallo starnuto o dalla tosse di una persona infetta.

Quali bambini sono a rischio di RSV?

Un bambino è più a rischio di RSV se è vicino ad altre persone con il virus. L’RSV si verifica spesso in epidemie annuali nelle comunità, nelle aule e nei centri di assistenza all’infanzia. L’RSV è più comune nei mesi invernali e all’inizio della primavera.

L’RSV può colpire una persona di qualsiasi età, ma causa la maggior parte dei problemi ai giovanissimi e i molto anziani. La maggior parte dei bambini è stata infettata almeno una volta all’età di 2 anni. I bambini possono anche essere reinfettati con il virus.

L’infezione può ripresentarsi in qualsiasi momento per tutta la vita. Nei bambini più grandi e negli adulti può sembrare un episodio di asma grave. I bambini nati prematuramente o con malattie cardiache, polmonari o del sistema immunitario sono a maggior rischio di malattie più gravi.

Quali sono i sintomi dell’RSV in un bambino?

I sintomi cominciano circa 2-5 giorni dopo il contatto con il virus.

La fase iniziale dell’RSV nei neonati e nei bambini piccoli è spesso lieve, come un raffreddore. Nei bambini di età inferiore ai 3 anni, la malattia può raggiungere i polmoni e causare tosse e respiro sibilante. In alcuni bambini, l’infezione si trasforma in una grave malattia respiratoria.

I sintomi più comuni di RSV includono:

  • Rinorrea;
  • Febbre;
  • Tosse;
  • Brevi periodi senza respirazione (apnea);
  • Difficoltà a mangiare, bere o deglutire;
  • Respiro sibilante;
  • Dilatazione delle narici o tensione del torace o dello stomaco durante la respirazione;
  • Diventare blu intorno alle labbra e alla punta delle dita.

I sintomi di RSV possono sembrare altre condizioni di salute.

Come viene diagnosticato l’RSV in un bambino?

L’operatore sanitario chiede informazioni sui sintomi e sull’anamnesi del bambino. figlio. Può anche chiedere informazioni su qualsiasi malattia recente nella famiglia o in altri bambini che frequentano l’asilo o la scuola. Può sottoporre il bambino a un esame fisico, come un tampone nasale che è indolore per cercare il virus nel liquido dal naso.

Come viene trattato l’RSV in un bambino?

Il trattamento dipende dai sintomi, dall’età e dalla salute generale del bambino. Dipende anche da quanto grave è la condizione.

Gli antibiotici non sono usati per trattare l’RSV. Il trattamento per RSV è fatto per aiutare ad alleviare i sintomi:

  • Più fluidi. È molto importante assicurarsi che il bambino beva molti liquidi. Se necessario, il bambino riceverà una linea endovenosa (IV) per somministrare liquidi ed elettroliti.
  • Ossigeno.
  • Aspirazione di muco. Un tubo sottile viene inserito nei polmoni per rimuovere il muco in eccesso.
  • Medicinali broncodilatatori. Questi possono essere usati per aprire le vie aeree del bambino. Sono spesso somministrati in una nebbia aerosol da una maschera o attraverso un inalatore.
  • Alimentazione tramite sonda. Questa può avvenire se un bambino ha problemi a succhiare. Un tubo sottile viene inserito attraverso il naso del bambino e giù nello stomaco. La nutrizione liquida viene inviata attraverso il tubo.
  • Ventilazione meccanica. Un bambino che è molto malato potrebbe aver bisogno di essere attaccato a un respiratore (ventilatore) per aiutare con la respirazione.
  • Antivirali. Alcuni bambini con infezioni gravi possono aver bisogno di un trattamento con farmaci antivirali.

Leggi anche questi articoli

Dalla stessa categoria

Lascia un commento