';

Perché non è vero che mangiare pochi carboidrati fa bene alla salute?
29 Ott 2021 14:39

Sono tante le celebrità che sui social media (e non solo) propagandano i benefici di una dieta a basso contenuto di carboidrati. Alcuni nomi? Megan Fox, Jennifer Aniston, Gwyneth Paltrow, Kim Kardashian… Ma è davvero così? No, a quanto pare…

Si tratta di un’informazione che riabilita gli spesso bistrattati carboidrati. Quindi, pasta, pane e riso non rappresentano un pericolo per la salute ma un alleato (certo vale la regola estendibile a qualsiadi alimento che non bisogna mai esagerare con le quantità).

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori statunitensi hanno analizzato i dati di 15.500 adulti di mezza età che hanno partecipato a uno studio sul rischio di aterosclerosi (condizione patologica caratterizzata da alterazioni della parete delle arterie, che perdono la propria elasticità a causa dell’accumulo di calcio, colesterolo, cellule infiammatorie e materiale fibrotico).

Foto di Myriams-Fotos da Pixabay

I partecipanti allo studio hanno dovuto rispondere con regolarità a questionari specifici su abitudini alimentari, origini socio-culturali, titoli di studio, reddito, consumo di tabacco, pratica di attività fisica e storia medica. E sono stati seguiti per ben 25 anni.

In questo modo, i ricercatori sono stati in grado di determinare che il rischio di morte è più alto per chi si trova all’estremità del consumo dei carboidrati (alti e bassi).

Nel dettaglio, è stato osservato che coloro il cui apporto di nutrienti era superiore al 70% o inferiore al 40% dai carboidrati avevano maggiori probabilità di morire presto rispetto a quelli che assumevano tra il 50 e il 55% delle loro calorie dai carboidrati.

Insomma, pasta, riso, ecc. vanno mangiati ma il giusto…


Leggi anche questi articoli

Dalla stessa categoria

Lascia un commento