';

Quando cambiano le frequenze dei canali TV per lo switch-off?
18 Ott 2021 18:38

Mercoledì 20 ottobre 2021 alcuni canali migreranno sul nuovo sistema digitale terrestre Dbv-T2, con il passaggio dalla codifica Mpeg2 a quella Mpeg4. Si tratta del cosiddetto Switch Off. I canali Rai che trasmetteranno in Mpeg4 dal 20 ottobre sono Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai YoYo, Rai Sport+ HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. Mentre, i canali Mediaset saranno TgCom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 Tv e Virgin Radio Tv.

QUALI TV FUNZIONERANNO E QUALI NO

In estrema sintesi, i televisori nei quali non si potranno vedere i programmi trasmessi sui canali che passano alla nuova codifica sono quelli acquistati prima del 2010. Comunque sia, per potere capire se una TV debba essere sostituita o integrata con un decoder apposito, si consiglia di consultare il manuale del modello se il dispositivo supporta la codific Mpeg4 o sintonizzarvi sui canali che già trasmettono in HD – quelli dal 501 in su – per verificare se si vedono bene (e se succede, allora non ci saranno problemi).

IL CALENDARIO DELLO SWITCH OFF

  • 15 novembre – 18 dicembre 2021: Sardegna;
  • 3 gennaio – 15 marzo 2022: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano. Coinvolta anche anche l’area 3 con Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza;
  • 1 marzo – 15 maggio 2022: Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Marche;
  • 1 maggio – 30 giugno 2022: Liguria, Toscana, Umbria, Lazio e Campania;
  • 1 gennaio 2023: la data del passaggio definitivo al DVB-T2.

AGEVOLAZIONI

In caso di necessità di acquisto una nuova televisione, è disponibile, per le famiglie che hanno un ISEE fino a 20mila euro, un contributo fino a 30 euro, ovvero il Bonus TV – Decoder. A questo può essere aggiunto il Bonus Rottamazione TV, sconto sul prezzo d’acquisto del nuovo dispositivo fino a un massimo di 100 euro.


Leggi anche questi articoli

Dalla stessa categoria

Lascia un commento